Un fiore petaloso? Ora possiamo dirlo

L'Accademia della Crusca risponde ai dubbi di una maestra su un aggettivo inventato da un alunno, spiegando che se una parola diventa di uso comune, allora può entrare nel dizionario. Il risultato? Sui social il termine è trending topic.

Come descrivere un fiore con molti petali? Semplice. Con l’aggettivo petaloso. Ma attenzione: non troverete questa parola sul vocabolario. Perché ad inventarla è stato un bambino di terza elementare che si chiama Matteo. L’alunno, che frequenta la scuola di Copparo, in provincia di Ferrara, ha messo nero su bianco il termine durante un lavoro in classe sugli aggettivi. Alla sua maestra è piaciuto talmente tanto che ha deciso di scrivere all’Accademia della Crusca per chiedere una valutazione in merito.

Qualche settimana fa, durante un lavoro sugli aggettivi, un mio alunno ha scritto di un fiore che era “petaloso”. La…

Pubblicato da Margherita Aurora su Martedì 23 febbraio 2016

LA RISPOSTA DELL’ACCADEMIA DELLA CRUSCA
L’istituto nazionale per la salvaguardia della lingua italiana ha prontamente risposto incoraggiando Matteo: «La parola che hai inventato è una parola ben formata e potrebbe essere usata in italiano così come sono usate parole formate nello stesso modo. Tu hai messo insieme petalo+oso→petaloso=pieno di petali, con tanti petali. Allo stesso modo in italiano ci sono pelo+oso→peloso=pieno di peli, con tanti peli, coraggio+oso→coraggioso=pieno di coraggio, con tanto coraggio». Ma non basta inventare una parola per poterla inserire in un vocabolario. Deve essere conosciuta da tutti ed usata da più persone possibili.

TUTTI A TWITTARE PETALOSO
Sui social l’iniziativa è stata presa sul serio. Su Twitter sono moltissime le persone che hanno utilizzato l’hashtag #petaloso, arrivato in poco tempo in cima ai trending topic.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Educazione, Scuola Argomenti: , , , , , , , Data: 24-02-2016 11:45 AM


Lascia un Commento

*