Cari papà, aiutate le neomamme

di Matteo Mazzuca
La blogger Nicola Bonn ha scritto un'appassionata lettera aperta dove fa capire ai novelli padri che la vita da madre è ben lontana dall'essere tutta coccole e divano.

ThinkstockPhotos-57568428Quando nasce un bambino, per le neomamme diventa quasi automatico assumersi le responsabilità che comporta l’essere genitori. Un ruolo che va ben oltre l’allattamento, ma che obbliga anche a cambiare notevolmente la routine lavorativa e domestica di tutti i giorni. Lo sa bene Nicola Bonn,  autrice di una lettera aperta postata sul blog upfrontmama.com. I destinatari? I neopapà, ovviamente.

ThinkstockPhotos-140461778DALLA NOTTE ALLA MATTINA
La lettera di Nicola mette a confronto la vita quotidiana dei padri con quella delle madri. Lui, probabilmente, continua ad andare a lavorare e a relazionarsi con persone adulte, commettendo l’errore di pensare che lei se ne stia tutto il giorno davanti alla tv coccolando il pupo. Peccato che una mamma sia costretta a stare sveglia praticamente tutta la notte, e che grida e pianti del neonato siano praticamente una costante durante la giornata, lasciando pochissimo tempo per sbrigare tutte le altre occupazioni domestiche.

ThinkstockPhotos-458906983PICCOLE IMPRESE QUOTIDIANE
Uscire con le amiche? Un’impresa. Di truccarsi e sistemarsi i capelli non se ne parla proprio, specie quando il bambino decide di riempire il pannolino cinque minuti prima di uscire, e va quindi cambiato e lavato in fretta e furia. Non che le amiche, anch’esse neomamme, offrano molti altri spunti di conversazione. A dominare la chiacchiera sono sempre le fatiche post-parto.

ThinkstockPhotos-178540529E I PAPÀ?
Tornata a casa, la neomamma potrebbe concedersi un sonnellino ristoratore, ma è solo una pia illusione, perché l’orologio dice che è già ora di preparare la cena all’uomo di casa. Un ritratto, insomma, tutt’altro che incoraggiante, ma Nicola Bonn chiude la sua lettera precisando che ha volutamente omesso le parti più gratificanti dell’essere mamma, vale a dire coccolare il piccolo e vederlo crescere giorno dopo giorno. Ma ciò non toglie che, dopo una descrizione del genere, anche un papà pigro potrebbe fare lo sforzo di preparare la cena ogni tanto o alzarsi per cambiare il pannolino nel cuore della notte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Figli, Post parto Argomenti: , , , Data: 24-06-2015 05:41 PM


Lascia un Commento

*