La ricerca

Vuoi che tua figlia guadagni di più? Lavora anche tu

di Luca Burini
Secondo uno studio essere madri in carriera non ha effetti negativi. Anzi. Una volta cresciute le bambine hanno uno stipendio più alto.
IL JObs Act di Metteo renzi vuole cambiare le regole del lavoro da gennaio 2015.

IL JObs Act di Metteo renzi vuole cambiare le regole del lavoro da gennaio 2015.

Le madri lavoratrici danneggiano la salute dei figli,  Le madri lavoratrici limitano le prospettive dei bambini, Il femminismo ha distrutto la famiglia. Titoli come questi in passato sono stati all’ordine del giorno fino a qualche anno fa. Ed erano condivisi da una buona parte della popolazione. Basti pensare che nel 2007, meno di dieci anni fa, un sondaggio del Pew Research Center rivelava come il 41% della popolazione degli Stati Uniti ritenesse la tendenza delle madri che lavoravano fuori casa come una cosa negativa. E solo il 22% la considerasse positiva. Bene si tratta solo di falsi miti. Perchè uno studio della Harvard Business School dimostra che le mamme che lavorano non distruggono matrimoni e società. Anzi. La ricerca, che ha coinvolto 50 mila adulti di 25 Paesi, ha messo in luce come le donne cresciute con madri lavoratrici non solo guadagnano di più alla coetanee cresciute con mamme casalinghe, ma hanno anche qualche possibilità in più di essere scelte per ruoli di supervisione sul lavoro.

GUADAGNANO IL 6% IN PIÙ
Negli Stati Uniti, ad esempio, le figlie di madri lavoratrici  hanno guadagnato il 23% in più di quelle con mamme che non avevano lavorato fuori casa. E più del 33% delle prime ha ottenuto un ruolo di supervisione contro circa il 25% delle seconde. Guardando a un dato che abbracci tutti i Paesi coinvolti nel sondaggio, le prime guadagnano il 6% in più rispetto alle altre. Mentre per quanto riguarda l’avanzamento di carriera quelle con madri lavoratrici battono le altre 21 a 18.

L’EFFETTO SUI FIGLI MASCHI
Inoltre, lo studio ha coinvolto anche gli uomini svelando come quelli figli di mamme in carriera spendano molto più tempo nella cura dei propri bambini: 16 ore di media settimanale contro le 8,5 di chi è cresciuto con la madre in casa.

NESSUN IMPATTO SULLA FELICITÀ DEI BAMBINI
Infine, lo studio sfata anche il mito secondo il quale la scelta della mamma di lavorare o restare a casa abbia un importante impatto sulla felicità dei figli perchè i livelli di felicità di quei bambini, una volta cresciuti, sono uguali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Educazione, Figli Argomenti: , , , Data: 25-05-2015 12:56 PM


Lascia un Commento

*