COMPORATAMENTO

Le (troppe) bugie che si dicono ai figli

Menzogne a fin di bene. O con scopi educativi. Ma attenzione a non abusarne.
Il 98% dei genitori cinesi mente ai propri figli.

Il 98% dei genitori cinesi mente ai propri figli.

Una ricerca pubblicata sull’International Journal of Psychology ha fatto emergere dati interessanti: il 98% dei genitori cinesi e l’84% di quelli americani mentono ai propri figli  e giustificano le loro menzogne adducendo una motivazione educativa. Ma cosa si nasconde dietro a questo atteggiamento?
BUGIE A SCOPO EDUCATIVO
Innanzitutto, esistono vari tipi di menzogne, la maggior parte delle quali, solitamente, vengono dette a fin di bene. Tra gli esempi menzionati dalla ricerca, la classica «Se non entri in macchina, me ne vado e ti lascio qui». L’obiettivo, in questo caso, è convincere il bambino a fare ciò che diciamo, «ma questo stratagemma fonda le sue basi sulla paura», spiegano gli psicologici che hanno eseguito lo studio.
FARE LEVA SULLA PAURA NON È UN BUON METODO
Magari il risultato viene ottenuto ma solo perché facciamo leva sulla paura del piccolo che, alla fine, non capisce la motivazione di fondo della nostra richiesta. E in generale la paura non è un buon strumento educativo. Il rischio è che l’utilizzo di bugie e ‘ricatti’ che si basano su questa emozione vengano utilizzate sempre più spesso e alla fine il bambino obbedisca solo perchè viene minacciato. Un eccesso che può avere effetti negativi sul suo sviluppo e anche sull’autorevolezza del genitore.
IMPEGNARSI PER EDUCARE IL FIGLIO
«L’educazione è un impegno gravoso e stancante», precisano gli esperti, «ma vale la pena di impegnarsi per tutta la giornata a non dire bugie o minacciare con lo scopo di fra obbedire il bambino e alla lunga il vantaggio sarà evidente: crescerà con la consapevolezza di ciò che è giusto fare e si comporterà di conseguenza. Esistono, poi, alcune bugie che ‘alterano la realtà’. «e non mangi la verdura, non cresci». Frasi tramandate nel tempo che, in qualche modo, non creano complicazioni nello sviluppo del bambino perché esagerano un po’ la realtà dei fatti. E se hanno lo scopo di instillare buone abitudini alimentari, ben vengano.
BUGIE A FIN DI BENE
Menzioniamo anche le bugie dette a fin di bene. «Sei stata bravissima al saggio di danza». Si tratta di menzogne che incoraggiano il bambino, aumentano la sua autostima e lo fanno sentire al sicuro. Attenzione, però, a non abusarne  e a non mettere il bambino su un piedistallo. Infine, le bugie a cui tutti i genitori sono costretti senza scampo. Quelle che riguardano Babbo Natale, il topolino dei denti e i sogni in generale. Queste bugie sono importanti perchè salvaguardano la fantasia e i sogni dei bambini e arricchiscono la loro infanzia e il loro mondo interiore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Educazione, Figli Argomenti: , , Data: 19-07-2013 12:22 PM


Lascia un Commento

*