report

I figli, meglio crescerli in Scandinavia

di Margherita Gamba
L'Italia è al diciassetesimo posto. Il Congo è all'ultimo. La classifica di Save The Children.
In Scandinavia ci sono condizioni più favorevoli per crescere i figli: dalla politica all'istruzione.

In Scandinavia ci sono condizioni più favorevoli per crescere i figli: dalla politica all’istruzione.

Abbiamo appurato che una famiglia felice  – almeno secondo quanto sostiene una ricerca inglese – è costutuita da mamma, papà e due figlie. Se è vero che essere genitori di una coppia di bimbe aumenta il grado di soddisfazione all’interno del nucleo familiare, è altrettanto riscontrabile che il luogo in cui si crescono i figli gioca un ruolo fondamentale.
MAMME FELICI IN SCANDINAVIA
In questo senso, pare che la Scandinavia sia il miglior posto in cui essere madre. Finlandia, Svezia e Norvegia sono i Paesi in cui madri e figli vivono in condizioni migliori. Tutti nell’Africa Subsahariana, invece, i Paesi nella black list, con il Congo che chiude la classifica stilata dall’associazione Save The Children nel rapporto annuale ‘Stato delle madri nel mondo’. L’analisi si basa su cinque indicatori: salute materna e rischio di morte per parto, benessere dei bambini e tasso di mortalità entro i cinque anni, grado di istruzione, condizioni economiche e Pil procapite, partecipazione politica delle donne al governo.
DIVARIO TRA PAESI INDUSTRIALIZZATI E QUELLI IN VIA DI SVILUPPO
I dati emersi parlano chiaro e mettono in evidenza un netto divario tra  i paesi industrializzati e quelli in via di sviluppo: le finlandesi possono contare in media su ben 17 anni di istruzione, le donne somale si devono fermare a due. A livello politico, se nel Parlamento finlandese siedono in media 42 donne su 100, in Congo sono otto. Che posto occupa l’Italia? Nella classifica, la Penisola si piazza al 17esima, salendo di quattro posizoni rispetto al 2012.
LIVELLO DI ISTRUZIONE AL TOP IN ITALIA
Il Belpaese risulta tra i migliori in termini di condizioni di salute delle mamme e dei bambini e per livello di istruzione delle donne (16 anni di formazione scolastica), ma è caratterizzato ancora dalla scarsa percentuale di partecipazione politica delle donne. Nonostante la percentuale rosa abbia subito un deciso incremento in occasione delle ultime elezioni (28,6% al Senato e 31,3% alla Camera), siamo ancora distanti perfino da paesi come Angola (38%) e Mozambico (39%). Infine, fa discutere e sorprende il 30esimo posto degli Stati Uniti, che guidano la classifica tra i Paesi industrializzati per mortalità dei neonati: ogni anno oltre di 11 mila bebè muoiono durante il loro primo giorno di vita.

Ecco la classifica dei 10 migliori paesi per le madri:
1. Finlandia
2. Svezia
3. Norvegia
4. Islanda
5. Paesi Bassi
6. Danimarca
7. Spagna
8. Belgio
9. Germania
10. Australia

Tra i peggiori figurano:
174. Sierra Leone
175. Somalia
176. Congo

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*