MADRI MULTITASKING

Fiat corteggia le mamme Uk con un rap

di Francesca Amé
Una vita tra pappe e notti insonni. Uno spot in rima ricorda le fatiche del lavoro più bello del mondo.
L'attrice Rachel Donovan nei panni di una mamma rapper per lo spot Fiat.

L'attrice Rachel Donovan nei panni di una mamma rapper per lo spot Fiat.

Forse qualcuna ricorderà lo spot della Fiat Idea in cui le mamme ballavano l’Haka, la celebre danza dei Maori. Le mamme inscenavano il balletto prima di salire in macchina, al mattino: prepara passeggino, togli il pupo, assicuralo nel seggiolino, chiudi il passeggino, caricalo nel bagagliaio… Efficace, davvero. E pazienza se il governo neozelandese fece delle rimostranze perché la pubblicità fu giudicata irriguardosa per una danza sacra al popolo Maori.
SPOT A MISURA DI MAMMA
Questa estate ci fu un altro spot ‘a misura di mamma’ che conquistò il pubblico: quello lanciato da P&G in occasione dei Giochi Olimpici di Londra e firmato da Alejandro Iñarritu, già regista di 21 Grammi e Babel. Lì si piangeva, e molto, perché si ricordava con un montaggio ad effetto, che dietro ogni successo olimpico ci sono anche i sacrifici (economici, emotivi) delle mamme degli atleti. E che fare la mamma – questo il motto – era «il best job on earth», il miglior lavoro del mondo.
Oggi un nuovo spot Fiat ha per protagoniste le mamme, ed è una pubblicità che fa ridere, ballare ma anche pensare. La firma l’azienda automobilistica per lanciare in Inghilterra la sua 500L.
RECORD DI CLIC PER IL ‘RAP DELLA MATERNITÀ
E’ ormai noto come ‘il rap della maternità’ su YouTube ha totalizzato oltre due milioni di visualizzazioni in tre settimane, diventando lo spot più visto di sempre sulla Rete.
Il video (lo trovate qui, dura circa tre minuti, ne vale pena) racconta a suon di rap le peripezie quotidiane di una madre di oggi. La macchina? Si vede, ma non troppo, tanto che molte persone all’inizio non avevano capito fosse davvero una pubblicità.
Del resto l’attrice Rachel Donovan veste perfettamente i panni della 40enne con tre figli e nervi a fior di pelle. Nel video c’è la casa perennemente in disordine, il piccolo che non vuol dormire, il grande che fa danni in salotto, la cucina sporca di cibo e di avanzi (tanto che il sofficino fritto diventa ‘l’unico piatto del giorno’).
FARE LA MAMMA, UN LAVORO A TEMPO PIENO
Di che parla l’hip-pop delle mamme? Di giornate che iniziano all’alba e terminano a mezzanotte, di zero tempo per se stesse (tanto che l’uscita al club del libro è l’unica occasione per bene un bicchiere di vino, la sera), del lavoro che incombe, di panni da lavare, di bambini capricciosi, di unghie cui non si riesce più a mettere lo smalto, di vestiti perennemente sporchi di pappa dei lattanti. Si ride, e di gusto, guardando lo spot. In questi giorni, poi, sono emersi alcuni particolari sulla gestazione del ‘rap della motherhood’, il rap della maternità come ormai è stato battezzato in Inghilterra. Inizialmente, infatti, lo spot non era piaciuto ai vertici Fiat Uk: solo quando è stato mostrato alla moglie dell’amministratore delegato (che non smetteva più di ridere davanti al video), il gruppo si è convinto e ha lanciato la campagna.
«VOLEVAMO RAGGIUNGERE IL NOSTRO TARGET»
«Volevamo raggiungere il nostro target, a cominciare dalle giovani mamme dinamiche», ha spiegato Elena Bernardelli, direttore marketing di Fiat Uk, «e dimostrare che conosciamo le loro sfide, le difficoltà di abbinare il loro mestiere di madri con la necessità di conservare la loro identità pre-maternità. Speriamo con questo filmato di far sorridere le mamme di tutto il mondo». Attendiamo la versione italiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Educazione, Figli Argomenti: , Data: 11-01-2013 12:48 PM


Lascia un Commento

*